Bivacco Silvestri (Cà de Legn)

Porta dei Merli, ai piedi del crinale Ovest del M.te Legnone a quota 2146 metri
mappamondo stilizzato Partenza :
Rifugio Roccoli dei Lorla (m 1463)

Arrivo :
Bivacco Silvestri (Cà de Legn) (m 2146)
Dislivello Complessivo :
m 690
Tempo di percorrenza :
1 h : 45 min
Elementi di interesse :

Itinerario Sintetico :

Bellezza ( 3 / 5 )
Fatica ( 3 / 5 )
Pericolosità ( 2 / 5 )

MAPPA

Coordinate GPS : 46.093861° N 9.403303° E

GALLERIA IMMAGINI

Se vuoi collaborare clicca qui ed inviaci le tue immagini 

DESCRIZIONE DELL'ESCURSIONE

Autore: R. Moiola

Il tracciato che conduce al bivacco Silvestri non comincia in Valtellina, ma rientra a buon diritto nelle pagine del nostro sito, perché da qui, e più ancora dalla vetta del Monte Legnone, raggiungibile dal bivacco in breve tempo, si ha una visione completa della valle e non solo... Abbandonata l’automobile al rifugio Roccoli dei Lorla (m.1463), a cui rimandiamo per il relativo percorso, comincia la nostra escursione, o meglio ascensione. Entriamo subito nel bosco e percorriamo in leggera salita il sentiero, che risale il crinale occidentale del Legnone, oltrepassando Méresc de Scim (m.1506) e, dopo una mezz'ora, l'alpeggio di Agrogno (m.1644), ove ci possiamo riposare per un breve tratto. Ora, però, la salita si fa dura per vincere i 500 metri che ci portano fino alla Porta dei Merli (m.2129), da dove, con percorso quasi pianeggiante, si arriva alla nostra meta, che sorge proprio alla base del crinale che porta diritto in vetta come si può ammirare dalla foto a lato. Il cammino sin qui richiede un'ora e 45 minuti dal rifugio Roccoli Lorla. Una targa (vedi foto) ricorda il dottor Guido Silvestri, a cui è ovviamente dedicato il bivacco. Già da qui la veduta è suggestiva ed aerea, ma è d'obbligo la salita finale alla vetta del Monte Legnone, dalla quale si può ammirare la parata delle Alpi, a cominciare dal Monviso e dal Monte Rosa, passando poi in rassegna molti 4000 del bernese in territorio Svizzero fino a giungere alle Alpi Retiche e più su verso i gruppi Ortles-Cevedale-Adamello. Anche la catena delle Alpi orobiche si mostra da qui in tutta la sua bellezza. Il panorama è arricchito infine dallavista sui laghi di Como e di Lugano, mentre, in giornate particolarmente limpide, lo sguardo si può spingere fino ai primi picchi degli Appennini.

INFORMAZIONI E CONTATTI

Proprietà : CAI sezione di Dervio
Telefono : ND
Posti Letto : 2 panche in sasso e muro
Presenza coperte : no
Presenza acqua : no
Telefono di emergenza : no
Presenza stoviglie : no
Presenza fornello a gas : no

VEDI ANCHE

APPROFONDIMENTI

COMMENTI

Loading ....

Per procedere occorre essere utenti registrati, inserisci i tuoi dati:

Oppure Registrati.