Bocchetta di Caspoggio

Val di Campo Moro (Valmalenco)
Tipologia : Sentiero di Alta Montagna
Difficolta : EE

Partenza : Campo Moro
Arrivo : Bocchetta di Caspoggio
Dislivello : 1150
Durata : 8 h

Itinerario Sintetico : Campo Moro - Rif. Carate - Rif. Marinelli - Bocchetta di Caspoggio - Rif. Bignami - Campo Moro

Segnavia : 305
Cartografia : Kompass 93 1:50000 Bernina - Valmalenco - Sondrio;
Carta nazionale della Svizzera 1:50.000 - Monte Disgrazia, Foglio 278 -

DESCRIZIONE DELL'ESCURSIONE

Partiamo dalla diga di Campo Moro (m. 1990), raggiungibile in automobile da Chiesa Valmalenco salendo verso Campo Franscia (m. 1550). Lasciata l’auto al parcheggio attraversiamo la corona della diga e ci portiamo sul lato settentrionale, dove troviamo una pista che scende a prendere il classico sentiero per i rifugi Carate Brianza e Marinelli. Camminiamo in direzione NO fra una serie di larici fino ad arrivare ai famosi “sette sospiri”, diversi dossi, un tempo cordoni morenici, che sembrano non voler far mai approdare all'agognata meta. Raggiunto il rifugio Carate Brianza (m. 2636, 2 ore e 30’) proseguiamo e passiamo la Bocchetta delle Forbici (m. 2664), poi, con un sentiero pianeggiante, raggiungiamo i piedi della vedretta di Caspoggio. Da qui in 20 minuti si risale lo sperone roccioso al culmine del quale è posto il rifugio Marinelli (m. 2813, 3 ore e 30’). Questo è un punto strategico per l'ascensione alle imponenti cime del gruppo del Bernina, che l'abbracciano lungo un semi-cerchio che dal passo Scerscen, a nord ovest, giunge alla bocchetta di Capoggio, a sud est. Da Nord-Ovest a Nord-Est menzioniamo le più importanti: Piz Gluschaint (m.3594), I Gemelli (m.3497), La Sella (m.3584), Piz Roseg (m.3920), Piz Scerscen (m.3971), Pizzo Bernina (m.4049), Piz d'Argient (m.3945), Piz Zupò (m.3995), Piz Palù (m.3905). Dal rifugio torniamo sui nostri passi fino ad una pozza. Qui, seguendo i triangoli gialli della 6° tappa dell’Alta Via della Valmalenco, andiamo a sinistra, in direzione E, e raggiungiamo la Vedretta di Caspoggio. Risaliamo verso destra il ghiacciaio (meglio avere con noi un picozza) ed arriviamo al crepaccio terminale dove passiamo la Bocchetta di Caspoggio (m. 2983). Questa rappresenta il punto di separazione tra il bacino di Scerscen, a ovest, ed il bacino di Fellaria, ad est, i quali, presso Franscia, convengono e formano la Val Lanterna. Scendiamo quindi sul piccolo nevaio che ci immette poi su terreno sassoso e ci indirizza verso l’Alpe Fellaria dove è situato il rifugio Bignami (m. 2385, 7 ore e 30’ circa). Proseguiamo lungo il fianco orientale del Sasso Moro, passiamo la diga di Gera e torniamo, infine, all’auto alla diga di Campo Moro (8 ore circa).

GALLERIA IMMAGINI

ELEMENTI DI INTERESSE

Ghiacciaio delle Scerscen; Il gruppo del Bernina; Resti dell'elicottero; Diga di Campo Moro; Diga di Gera

LASCIA IL TUO COMMENTO

Loading ....

COMMENTI

Per procedere occorre essere utenti registrati, inserisci i tuoi dati:

Oppure Registrati.