Parco Marmitte dei Giganti

Sopra Chiavenna (Valchiavenna)
Tipologia :
Difficolta : E

Partenza : Chiavenna
Arrivo : L. del Grillo
Dislivello : 1670
Durata : 7 h : 30 min

Itinerario Sintetico : Chiavenna - Parco Marmitte dei Giganti - L. Grillo - Chiavenna

Segnavia : B4; B11; B12;
Cartografia : Meridiani Montagna Spluga - Mesolcina 1:40000; Kompass 92 1:50000 Valchiavenna - Val Bregaglia (Valle San Giacomo, Madésimo, M

DESCRIZIONE DELL'ESCURSIONE

Percorrendo la S.S. 36 dello Spluga entriamo in Chiavenna e ci portiamo al piazzale di Pratogiano, dal quale poi proseguiamo a piedi per la zona di Poiatengo dove inizia la mulattiera che si addentra nel bosco e, passando per il Parco delle Marmitte dei Giganti, porta al borgo di Uschione (m. 835; 1 ora circa). Il paesino è raggiungibile anche in automobile. In tal caso, prima di arrivare a Chiavenna venendo da S, entriamo in Prata Camportaccio (m. 352) e saliamo alla chiesa dalla quale proseguiamo sulla strada per Lòtteno ed Uschione. Raggiunta la sbarra che impedisce l'accesso ai privi di permesso, parcheggiamo e camminando lungo un tratto pianeggiante in breve siamo ad Uschione. Il Parco delle Marmitte dei Giganti ospita e prende nome dalle curiose grandi cavità nella roccia create dal processo di fusione dei ghiacci circa 15.000 anni fa. Inoltre, girovagando nel parco (in tal caso impieghiamo più di un’ora ad arrivare ad Uschione), vediamo tracce di antichi terrazzamenti e delle cave di pietra ollare (particolare tipo di roccia abbastanza “tenera” che è contenuta all'interno della più solida “pietra verde” e che viene utilizzata per realizzare contenitori vari e pentole, i “laveggi”, ideali per la cottura dei cibi senza aggiunta di grassi). Oltre a ciò lungo il percorso abbiamo bellissimi scorci panoramici sia sull’imbocco della Val Bregaglia (CH) in direzione E, che sulle cascate dell’Acqua Fraggia sopra Prosto, in direzione NE. Passato Pratogiano, arriviamo così al dosso del Belvedere dal quale continuiamo a salire. Poco dopo, transitando per terrazzamenti un tempo coltivati, arriviamo al caratteristico villaggio di Uschione. Dalla frazione Nesossi, seguendo le indicazioni per il laghetto del Grillo, saliamo per il bosco in direzione SE. Attraversiamo una valletta verso sinistra e poi dei prati che in successione interrompono il bosco. Raggiungiamo quindi l'alpe Quarantapan e proseguiamo sul sentiero che continua a sinistra dell'ultima baita. Passando ancora per il bosco, arriviamo alla località Pesceda (m. 1313). Continuiamo a salire, tralasciando la deviazione che porta a destra, per Damino. Passando ancora per prati e bosco arriviamo all’alpe Prato del Conte (m. 1434). Tagliamo l'alpe verso sinistra, facendo attenzione a non prendere il sentiero che parte dal limite superiore destro dei prati e che conduce alle alpi Primalfieno e Tecciali. Nei pressi dell'ultima baita di sinistra e di un grosso masso a forma di dente, riprendiamo il sentiero (segnavia) e, compiendo una lunga diagonale verso SE, attraversiamo un corso d’acqua e raggiungiamo la radura dove sorge il bivacco Sarlanzöö (m. 1703). Vicino a questo troviamo le indicazioni per il laghetto del Grillo. Andando in piano verso destra, attraversando nuovamente il corso d’acqua, ricominciamo a salire verso SE. Dopo una radura, risaliamo un ampio vallone e spuntiamo nella conca dove si trova il laghetto (m. 1934). Facciamo rientro a Chiavenna per la stessa via di salita.

GALLERIA IMMAGINI

ELEMENTI DI INTERESSE

Marmitte dei Giganti; Cave di pietra ollare;

LASCIA IL TUO COMMENTO

Loading ....

COMMENTI

Per procedere occorre essere utenti registrati, inserisci i tuoi dati:

Oppure Registrati.