Punta Rims

Valdidentro (Alta Valtellina Bormio Livigno)
Tipologia : Sentiero di Alta Montagna
Difficolta : E

Partenza : Cancàno
Arrivo : Punta Rims
Dislivello : 1110
Durata : 6 h : 30 min

Itinerario Sintetico : Cancàno - Passo Pastori - Punta Rims - Cancàno

Segnavia : Via Alpina-Sentiero Italia-145;
Cartografia : Carta nazionale della Svizzera 1:50.000 - Passo del Bernina, Foglio 269; Cartina Kompass del Parco dello Stelvio; Kompass 1:5000

DESCRIZIONE DELL'ESCURSIONE

Venendo da Milano e Sondrio sulla S.S. n. 38 dello Stelvio passiamo Bormio e ci dirigiamo verso la Valdidentro. Superato Premadio, prendiamo uno degli svincoli sulla destra con l'indicazione ""Cancàno”. Oltrepassiamo Pedenòsso e giungiamo ad un bivio: un cartello segnala che la pista per Cancàno è il ramo di destra. Termina qui il tratto asfaltato ed inizia una lunga strada sterrata (6,4 km) con fondo abbastanza buono, che sale sul fianco sinistro (per noi) del bastione roccioso che introduce alla valle. Raggiunta, dopo una breve galleria scavata nella roccia, la sommità del bastione, passiamo vicino alle celebri Torri di Fraéle (m. 1941), edificate con funzione difensiva ed esistenti già nel XIV sec. Superate le torri, la strada si inoltra sul lato destro orografico (sinistro per noi) della valle passando a sinistra del laghetto naturale delle Scale (m. 1928). Poco oltre, sulla sinistra, è posto il rifugio Monte Scale (m. 1960). Arriviamo alla diga prima diga e ci portiamo sul versante di NE attraversando lo sbarramento. In breve siamo al rifugio Solena (m.2008) che sorge sulla sponda orografica sinistra della Val Fraele. Vicino al parcheggio c’è un bivio. Non andiamo a destra altrimenti, passando per la Bocca d’Adda, scenderemmo alla S.S. dello Stelvio. Prendiamo invece a sinistra e cominciamo a risalire la selvaggia Val Forcola, caratterizzata da un vero canyon. Superato un edificio dell’AEM, a quota 2100 metri circa, siamo di fronte ad un altro bivio: andiamo a sinistra puntando alla Bocchetta di Forcola (m. 2763); andando a destra ci saremmo diretti verso il Piano di Pedenolo. Camminando lungo un’ampia mulattiera, ex tracciato militare, raggiungiamo Malga di Forcola (m. 2313). Da qui, anziché andare a destra (E) in direzione della Bocchetta di Forcola, saliamo il pendio a N delle baite. A quota 2500 metri circa siamo ad un pianoro. Alla nostra sinistra, direzione O, c’è il lago di Forcola sopra il quale sta l’omonimo monte e il vallone pietroso che porta alla Forcella Sumbraida. Proseguendo in direzione N raggiungiamo il Passo dei Pastori (m. 2770), confine italo-svizzero; dall’altra parte c’è la Val Mora e il Lai da Rims (Val Monastero). Dal passo, camminando sulla cresta, giungiamo a quota 2827 metri dalla quale scendiamo subito alla Bocchetta del Lago (m. 2772). Nell’area vediamo resti delle caserme, italiane e svizzere, costruite durante la Prima Guerra Mondiale. Continuiamo lungo la cresta e risaliamo a quota 2864 metri da dove è possibile, andando in direzione N, raggiungere il Piz dal Lai nella conca di Rims. Noi però, stando sempre sulla cresta, andiamo in direzione SE e, dopo 4 ore di cammino, arriviamo alla Punta di Rims (m. 2947). Scendiamo per la stessa via di salita.

GALLERIA IMMAGINI

ELEMENTI DI INTERESSE

M. Sumbraida; Cima Rims; Piz Umbrail; Malga di Forcola; Parco Nazionale dello Stelvio

LASCIA IL TUO COMMENTO

Loading ....

COMMENTI

Per procedere occorre essere utenti registrati, inserisci i tuoi dati:

Oppure Registrati.