l museo del Tesoro nella collegiata di San Lorenzo

Collegiata di San Lorenzo, Chiavenna
 

La "Pace di Chiavenna" (Foto di R.Moiola).Il museo del Tesoro si trova a Chiavenna presso la collegiata di San Lorenzo. Vi si accede percorrendo un sottopassaggio attraverso il quale si raggiunge la piazzetta della canonica, in fondo alla quale si trova l'ingresso al museo.
Il museo è stato inaugurato nel 1957 e riallestito nel 1998 dopo 17 anni di chiusura. Qui sono conservate numerose opere d'arte e di oreficeria. Si sviluppa in tre sale in base all'epoca di appartenenza delle opere presenti. L'opera più significativa è la "Pace di Chiavenna", uno dei pezzi d'argenteria medievale più importanti d'Europa. La sua funzione era quella di copertina del Vangelo e di Pace, ovvero strumento liturgico offerto per il bacio ai fedeli prima della Comunione. Il suo nome deriva invece da un incisione in oro che vi si trova al suo interno. E' composta di 23 lamine d'oro su tavola di noce, eleganti rabeschi, 16 mosaici di pietre dure, 17 rosoncini in filigrana con 94 perle e 97 gemme (tra cui alcuni cammei) e 4 bassorilievi a sbalzo con i simboli degli Evangelisti. Sulle placche ovali di smalto, al centro dei quattro lati, sono raffigurati in alto il Pantocreatore, in basso la Visitazione, a sinistra l'Angelo e a destra la Madonna (l'Annunciazione). Al centro si trova uno scudo ovale con una croce greca gemmata in filigrana.
Non si è certi dell'identità del suo autore, forse un artista francese o tedesco del seguito del Barbarossa. In base agli apporti bizantini (sfondi verdi), renani e lombardi si è giunti a supporre che sia stata creata nell'area milanese o in quella renana intorno al XI - XII secolo. Secondo la tradizione sarebbe stata donata a Chiavenna da un vescovo tedesco o francese, forse da CAll'interno del museo... (Foto di R.Moiola).ristiano di Magonza che nel 1176 accompagnò il Barbarossa a Chiavenna per il drammatico incontro con Enrico il Leone.
Nella stessa sala ammiriamo alcune croci astili in rame dorato, calici, oggetti di argenteria, lampade e reliquari, patene in argento dorato, un pregiato antifonario musicale del XI secolo e le due autentiche coroncine appartenenti al Santuario di Gallivaggio.
Nella sala centrale ammiriamo una serie di statue in legno, quadri, affreschi, cornici, altri oggetti liturgici, ostensori e capi di vestiario religioso.
La sala d'entrata presenta alcuni quadri e libri antichi che venivano utilizzati per canti corali.
Chiavenna è una delle cittadine principali della provincia di Sondrio, non soltanto dal punto di vista storico-artistico, ma anche per la sua cucina tipica e il suo ambiente naturale (Cascate dell'Acqua Fraggia e Marmitte dei Giganti). Vi invitiamo pertanto a visitare la pagina ad essa dedicata dove troverete itinerari e curiosità interessanti e utili se siete interessati ad una visita completa del territorio.

ORARIO DI APERTURA:

-Museo del Tesoro:
DAL MARTEDI’ AL VENERDI’…….…………….. ore 15 – 18
SABATO………………………….………………………………..ore 10-12 e 15 – 18
DOMENICA………………………………………………………. ore 15 – 18

-Battistero di San Lorenzo:
Marzo, Aprile e Maggio
SABATO, DOMENICA……………………………………...ore 9 – 12 e 14 – 17
Giugno, Luglio, Agosto, Settembre
DAL MARTEDI’ ALLA DOMENICA……………….ore 9 – 12 e 14 – 18
Ottobre
SABATO………………………………………………………………ore 9 – 12 e 14 – 17

Località:
Chiavenna, via G. B. Picchi

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE I RECAPITI UFFICIALI (Telefono, Fax, Indirizzo, Email, Sito..) DEGLI ENTI DI INFORMAZIONE TURISTICA DI QUESTA ZONA

Testo a cura di E.Fattarelli
F otografie di R.Moiola

Per procedere occorre essere utenti registrati, inserisci i tuoi dati:

Oppure Registrati.